sabato 21 giugno 2014

La vita, il lavoro, la lettura



"La vita è vuota se non la riempi con un impegno esaltante e rischioso. L’impegno, è naturale, non può essere che uno:  il lavoro. L’altro lavoro, quello invisibile, è il lavoro dell’anima, dello spirito, del talento, le cui creazioni  trasformano il mondo rendendolo più ricco, più giusto e più umano. Leggevo molto. Ma, anche riguardo alla lettura, sai com’è… riesci ad avere davvero qualcosa dai libri solo se sei capace di mettere qualcosa di tuo in ciò che stai leggendo. Voglio dire, solo se ti accosti alla lettura come a un duello, con lo stato d’animo di chi è disposto a ferire e a essere ferito, a polemizzare, a convincere e a essere convinto e poi, dopo aver fatto tesoro di quanto hai imparato, lo impiegherai  per costruire qualcosa nella vita o nel lavoro…"

Sandor Marai, La donna giusta.

Nessun commento: