venerdì 13 dicembre 2013

Il signore degli anelli


Ho letto Il signore degli anelli vent'anni fa. Iniziai durante una vacanza in Norvegia, particolarmente intonata con l'atmosfera fiabesca del romanzo (che trasse ispirazione anche da miti e leggende di quelle zone) e naturalmente proseguii per un bel po' dopo. Ero già grandicello e in quel periodo si erano già messe da parte interpretazioni e discussioni un po' stravaganti sul significato e sui contenuti di quest'opera. Io me la sono gustata come una pura e avvicente lettura di evasione, molto coinvolgente, che ricordo ancora abbastanza bene nonostante la mia lacunosissima memoria. Ho visto solo qualche spezzone del film, giusto per la curiosità di vedere come avevano rappresentato Gollum, Gandalf, Frodo e tutti gli altri. Non molto diversi da come me li ero immaginati. Il Natale, con la sua atmosfera magica, può dare l'occasione giusta per gustarsi una lettura di questo tipo.
Un bel viaggio nella Terra di Mezzo, per allontanarsi un po' da forche, forconi e forcaioli vari della Terra di Oggi. Almeno Sauron non aveva la Jaguar...


Nessun commento: